Pubblicità

Inaugurazione della 52^ Stagione Concertistica della Camerata Musicale Salentina a Lecce

camerata musicale salentina

Venerdì 5 novembre si alza il sipario sulla 52^ Stagione Concertistica della Camerata Musicale Salentina. Ritornano finalmente i concerti serali al Teatro Apollo di Lecce, riprendendo con regolarità gli spettacoli dopo le apprezzate rassegne estive tenute presso la Sala Giardino e il Chiostro dei Teatini.

Una inaugurazione nel segno della valorizzazione delle eccellenze del territorio, in compagnia dell’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento diretta per l’occasione dal M° Giovanni Pellegrini. Sul palco del teatro leccese anche due straordinari talenti del panorama musicale italiano, impegnati nell’esecuzione di due concerti tanto noti quanto stupendi: il violinista Nicola Marvulli suonerà il Concerto per violino e orchestra in Mi minore op. 64 di Mendelssohn, e la pianista Tiziana Columbro eseguirà il Concerto per pianoforte e orchestra in La minore op. 54 di Schumann.

Il concerto inaugurale della Camerata Musicale Salentina

La serata sarà condita dalle incursioni di uno dei più apprezzati e irriverenti comici della scena nazionale, Dario Vergassola, per un appuntamento all’insegna della grande musica e del sorriso.

Giovanni Pellegrini, nato a Polignano a Mare (Ba), compie gli studi musicali presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari. Frequenta il corso triennale in direzione d’orchestra presso l’Accademia Musicale Pescarese conseguendo il diploma di alto perfezionamento. Giovanissimo entra a far parte dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari in qualità di primo trombone, collaborando con grandi direttori d’orchestra e partecipando a varie tourneé internazionali, incidendo dischi e cd per la Sony e la Fonit-Cetra. Ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive per le reti Rai e Mediaset. Ha inoltre collaborato con l’Orchestra Internazionale d’Italia. E’ titolare della cattedra di Musica d’insieme per fiati presso il Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce.

Nicola Marvulli, diplomato con Lode presso il Conservatorio di Pescara nella classe di P. Binchi, si è avvalso dei consigli di numerosi maestri, tra i quali S. Accardo, M. Rizzi, D. Orlando, S. Krylov. Premiato in numerosi concorsi e rassegne, ha debuttato come solista con l’Orchestra Sinfonica di Pescara all’età di 11 anni. Ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, con l’Orchestra di Pommersfelden, l’Orchestra da Camera Colibrì Ensemble e l’Orchestra di Padova e del Veneto. Ha suonato stabilmente nei Solisti Aquilani, collaborando con artisti del calibro di V. Ashkenazi, M. Maisky, S. Mintz e J. Malkovich.

Tiziana Columbro è una giovane pianista italiana che si esibisce regolarmente come solista e in varie formazioni cameristiche, in Italia e all’estero (Austria, Francia, Svezia).
Sin da giovanissima si è distinta in diversi concorsi pianistici nazionali e internazionali risultando vincitrice di primi premi assoluti, borse di studio e concerti premio. Termina gli studi a soli 17 anni con Lode e menzione d’onore presso il Conservatorio di Pescara. Alla sua formazione hanno contribuito P. Bordoni e in seguito P. Iannone. Ha concluso il Biennio in Musica da camera con Lode, per poi perfezionarsi in Pianoforte solistico ad indirizzo concertistico con S. Vladar e in Musica da Camera con S. Mendl presso l’Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna.

Informazioni Camerata Musicale Salentina

Prevendite disponibili presso la sede della Camerata Musicale Salentina, online e nei punti vendita del circuito Vivaticket. L’accesso in teatro è consentito ad adulti e ragazzi maggiori di 12 anni solo attraverso la presentazione del green pass. I minori di 12 anni possono invece entrare senza certificazione.

Fondata dal M° Carlo Vitale nel 1970, la Camerata Musicale Salentina è sostenuta dal Ministero della Cultura, dalla Regione Puglia e dal Comune di Lecce.
Sponsor della manifestazione Banca Popolare Pugliese.

PROGRAMMA MUSICALE
F. Mendelssohn – Concerto per violino e orchestra in Mi minore op. 64
R. Schumann – Concerto per pianoforte e orchestra in La minore op. 54

Abbonati alla 52^ Stagione Concertistica!
Tredici spettacoli di alto spessore musicale al Teatro Apollo di Lecce.

ABBONAMENTO A 13 SPETTACOLI
Poltronissime e Palchi I Ordine: Intero € 260, Ridotto* € 230
Poltrone e Palchi II Ordine: Intero € 210, Ridotto* € 180
Loggione: Intero € 120, Ridotto* € 90

PREZZI BIGLIETTI (comprensivi del diritto di prevendita)
Poltronissime e Palchi I Ordine: Intero € 27, Ridotto* € 24
Palchi I Ordine (posti con scarsa visibilità): € 18
Poltrone e Palchi II Ordine: Intero € 22, Ridotto* € 19
Poltrone ultime file e Palchi II Ordine (posti con scarsa visibilità): € 12
Loggione: Intero € 15, Ridotto* € 12

* La riduzione è valida per: over 65, under 35 anni | Docenti | Studenti | Dipendenti BPP Banca Popolare Pugliese | Disabili e Accompagnatori | Abbonati 51^ Stagione
La riduzione verrà applicata dietro presentazione del relativo documento che la consente.
I disabili in carrozzina hanno diritto all’ingresso gratuito.

PREZZI SPECIALI:
UNDER 35, SCUOLE, DISABILI e ACCOMPAGNATORI, GRUPPI (almeno 8 persone)
E’ disponibile una quantità limitata di posti a tariffa speciale per Under 35, scuole, disabili e accompagnatori, gruppi di almeno 8 persone.
Poltronissime ultime file e Palchi Laterali I Ordine: € 18
Poltrone ultime file e Palchi Laterali II Ordine: € 12
Loggione: € 8
Info per accedere alla promozione: 0832 309901 – 348 0072655
Email: biglietteria@cameratamusicalesalentina.com

CARTA DEL DOCENTE E 18APP
Anche per questo evento è possibile l’acquisto del biglietto o dell’abbonamento utilizzando il Bonus Cultura, scegliendo come tipologia di buono SPETTACOLI DAL VIVO o CONCERTI.

CON I BIMBI A TEATRO!
Assistere ai concerti della Camerata Salentina con i propri bimbi è possibile! L’Associazione organizza infatti un laboratorio musicale dedicato ai bambini dai 6 anni in su in contemporanea con gli spettacoli serali e nelle sale interne dei teatri.
Il costo varia dagli 8 ai 10 € a bambino, con possibilità di assistere allo spettacolo.

BIGLIETTO SOSPESO
Un “biglietto sospeso” per chi non può permettersi di andare a teatro: solidarietà e cultura si fondono nell’iniziativa della Camerata Musicale Salentina. Il meccanismo è molto semplice: chiunque, con soli 2 €, può offrire un “biglietto sospeso” e fare in modo che il teatro sia davvero uno strumento di cultura per tutti.
Per ogni biglietto sospeso donato, la Camerata ne offrirà un altro. Le Associazioni solidali che vogliono collaborare a questo progetto possono contattare gli uffici della Camerata al 348 0072655.

INFO
Camerata Musicale Salentina
Via XXV Luglio 2B – Lecce
Tel: 0832 309901 – Cell: 348 0072654 (Info) – 348 0072655 (Biglietteria)
Email: biglietteria@cameratamusicalesalentina.com
Sito: www.cameratamusicalesalentina.com – Seguici su Facebook!

“Giovannin senza parole”, nuovo spettacolo del Crest a Taranto

Giovannin senza parole
foto: Carla Molinari

Giovannin senza parole, in anteprima nazionale la nuova produzione del Crest “firmata” Catia Caramia-Andrea Bettaglio. Son bravi tutti. A parole.

Per il cartellone “favole&TAmburi”, domenica 7 novembre, alle ore 18 al TaTÀ di Taranto, in via Deledda ai Tamburi, in anteprima nazionale “Giovannin senza parole”, drammaturgia Catia Caramia, regia e scene Andrea Bettaglio, con Nicolò Antioco Ximenes, Andrea Bettaglio, Catia Caramia, Nicolò Toschi, musiche Nicolò Toschi, costumi Maria Martinese, disegno luci Michelangelo Campanale, disegno del suono Roberto Cupertino, aiuto regia Catia Caramia, responsabile di produzione Sandra Novellino, tecnico di scena Vito Marra, produzione Crest. Durata 55 minuti.

“Giovannin senza parole”

Esiste un paese, dove la prima grande regola è obbedire agli ordini del suo Capo, padrone anche della grande officina delle parole, che corregge a proprio piacimento. Questo è un grande giorno, il Capo ha deciso di fare un discorso ai suoi sudditi. Quali nuove regole li attendono? Ma l’imprevisto, si sa, è in agguato anche quando gli ordini sembrano regolare a perfezione ogni cosa.

Infatti, un giorno arriva nel paese un giovane, che le regole non sa. «La storia che mettiamo in scena è un apologo buffo pensato per i ragazzi e per i ragazzi che siamo stati. Affrontiamo il tema delicato dell’esercizio della forza attraverso la parola, osservandolo con gli occhi innocenti di un ragazzo che, grazie ai suoi “errori”, trasformerà l’intero paese. Perché, si sa, che gli errori sono solo un tentativo di fare quello che non si sa», dalle note di produzione.

Il lavoro d’attore si mescola al lavoro sul clown, alla manipolazione di oggetti e alla musica dal vivo, per accompagnare con leggerezza questa sorta di viaggio dal buio alla luce, restituendo ai personaggi e al loro sogno di libertà la dolcezza scanzonata del clown e dell’acrobata.

Informazioni per lo spettacolo

Consigliato dai 5 anni. Biglietto unico 6 euro con prenotazione obbligatoria al numero 366.3473430 (anche whatsapp) in orario d’ufficio. Nel rispetto della normativa vigente, per accedere all’area dell’evento è necessario il green pass, non richiesto ai minori di 12 anni.

Il cartellone “favole&TAmburi” – tredicesima edizione – è realizzato dal Crest nell’ambito del
progetto regionale “Custodiamo la cultura in Puglia 2021”. In collaborazione con Provincia e
Comune di Taranto.

La Cantiga della Serena, a Taranto musica del Mediterraneo

cantiga

La Cantiga de la Serena, fra musica antica e tradizionale del Mediterraneo. Venerdì 29 nella Chiesa Santa Famiglia e sabato 30 ottobre alle nella Chiesa San Nunzio Sulprizio.

Protagonisti di questo doppio appuntamento all’interno della rassegna “Aspettando il Mysterium Festival”, Fabrizio Piepoli, Giorgia Santoro e Adolfo La Volpe. Ingresso gratuito su prenotazione. Il primo dei due concerti, venerdì 29 alle 20.00, nella Chiesa Santa Famiglia; il secondo, sabato 30 alle 20.30, nella Chiesa San Nunzio Sulprizio.

Gli artisti della Cantiga della Serena

Fabrizio Piepoli (voce, chitarra battente, santur, daff), Giorgia Santoro (flauto, flauto basso, bansuri, tin whistle, arpa celtica, cimbali) e Adolfo La Volpe (oud, chitarra classica, chitarra portoghese, bouzouki irlandese), ovvero La Cantiga de la Serena, sono un ensemble di musicisti e ricercatori pugliesi che da anni si dedica al recupero e alla rielaborazione della musica antica e tradizionale del bacino del Mediterraneo, promuovendo il dialogo culturale tra Occidente e Oriente.

Lo spettacolo

“La Mar”, ultima produzione de La Cantiga, è una raccolta di canti appartenenti a diverse tradizioni musicali che hanno come motivo conduttore il mare (“la mar”, in ladino). Terzo lavoro discografico dell’ensemble, forma insieme ai due precedenti una “trilogia del mare” e delinea un viaggio immaginario lungo il quale antiche cantighe sefardite (espressione della cultura degli ebrei spagnoli) si intrecciano a canti tradizionali pugliesi (canti narrativi, tarantelle). Un syrto greco si fonde con un canto della Grecìa salentina, le sonorità ammalianti di una melodia siriana incrociano il vigore solenne di una villanella napoletana, fino a sciogliersi nel ritmo travolgente di un horo macedone.

“La Mar”, titolo anche di un tour del trio musicale, è anche un dialogo d’amore sospirato tra il mare e il femminile, il canto della sirena che continua ad ammaliare i viandanti di ogni tempo. La Cantiga de la Serena esegue questo repertorio utilizzando strumenti che appartengono a diverse culture musicali, lasciando ampio spazio alla libera espressione del proprio modo di sentire e filtrare questi antichi canti di amore, preghiera e gioia.

Informazioni

Ingresso gratuito su prenotazione. Orchestra della Magna Grecia: Taranto, via Giovinazzi 28 (392.9199935). Info e aggiornamenti su: www.orchestramagnagrecia.it

Taranto, ritornano le attività di “La Factory”, artigianato e creatività

la factory

La Factory – handmade in Italy festeggia il suo primo anno a Porta Napoli! Sabato 30 e domenica 31 ottobre, un fine settimana da passare con tutti coloro che in questi dodici mesi hanno condiviso con noi strada, idee, progetti ed emozioni. Una festa insieme a chi è entrato da poco a far parte della nostra famiglia e con chi da tempo muove i propri passi al nostro fianco.

Ci saranno loro, gli artigiani del collettivo La Factory, che saranno i veri protagonisti dell’esordio, DOMENICA 31 a partire dalle 10:30, di un EXPO MARKET a cielo aperto allestito nello spazio antistante la nostra casa in Via Niceforo Foca, 30.

Un primo esperimento che vogliamo trasformare in appuntamento fisso con lo scopo di far ammirare ad un numero sempre maggiore di persone la creatività e la manualità di artigiani, maker, artisti e illustratori provenienti da tutta la Puglia.

Daremo largo spazio alla creatività con mostre e laboratori per grandi e piccini. Sarà la giusta occasione per inaugurare la HYPERCUBE GALLERY, il nuovo spazio interno dedicato alle mostre.

Le attività previste nella due giorni vedono il coinvolgimento di tante persone e realtà a noi care. Saranno al nostro fianco in questa festa di compleanno le amiche di Ciurma – libreria per bambini, gli amici e vicini di Spazioporto e di Ammostro con cui condividiamo, insieme agli amici di Mercato Nuovo, questa importante scommessa di rilancio e riqualificazione culturale e artistica di una delle zone più belle di questa città, l’area di Porta Napoli, la porta d’ingresso naturale di Taranto.

Per scoprire i contenuti dell’evento seguiteci sui nostri canali social: www.facebook.com/LaFactoryhandmade, www.instagram.com/lafactory_taranto
Vi aspettiamo sabato 30 e domenica 31 ottobre!

“In ricordo di Stefano D’Orazio”: concerto dei Palasport a Taranto

Stefano d'orazio

“In ricordo di Stefano D’Orazio”, il batterista dei Pooh scomparso un anno fa. «Che meraviglia!». Ai Palasport, tribute-band dei Pooh, prima e unica ad aver vinto un concorso griffato Facchinetti-D’Orazio-Battaglia-Canzian, piace pensare che il loro idolo avrebbe accolto con una delle sue esclamazioni più amate, il tributo che i quattro ragazzi tarantini stanno preparando a un anno dalla scomparsa di Stefano, storico batterista dei Pooh.

“In ricordo di Stefano D’Orazio” è questo il progetto che stanno completando in questi giorni i Palasport, i fratelli Claudio e Pier Giuffrida, Lorenzo Ancona e Cosimo Ciniero e hanno presentato in conferenza stampa insieme con il vicesindaco di Taranto, Fabiano Marti, e il direttore artistico del teatro Orfeo, Adriano Di Giorgio.

Lo spettacolo in ricordo di Stefano D’Orazio

A un anno dalla scomparsa del mitico batterista dei Pooh, lunedì 8 novembre alle 21.00 nel teatro Orfeo di Taranto si terrà il concerto “Palasport & Friends”. La più titolata coverband italiana rende omaggio al musicista, autore, scrittore e, soprattutto, persona dalla spiccata sensibilità e generosità, una serata insieme con artisti del territorio e non, che hanno accettato l’invito a partecipare al tributo al quale prenderanno parte, fra gli altri, Tiziana Giardoni D’Orazio, moglie di Stefano, e Silvia Di Stefano, figlia del grande artista romano.

Stefano D’Orazio e la città di Taranto

«Taranto è una città particolarmente legata ai Pooh – ha dichiarato Fabiano Marti, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Taranto – per i numerosi concerti che la formazione musicale italiana più amata e titolata, ha tenuto in più occasioni a Taranto: al Mazzola, poi Palamazzola, allo Iacovone, proseguendo con un teatro-tenda in viale Magna Grecia e nel quartiere Salinella; detto questo, D’Orazio, è personalmente legato alla nostra città, per aver fatto parte dei Planets, formazione tarantina di metà Anni Sessanta, poi manifestato di persona solidarietà all’Istituto musicale “Paisiello”. Siamo pertanto onorati di poter ospitare il primo grande tributo alla memroia del batterista con un concerto, la presentazione del suo libro postumo, “Tsunami”, che presenterà sua moglie, Tiziana Giardoni, infine l’esposizione di tutte le batterie di D’Orazio nella Biblioteca “Acclavio”, ma questo non appena ne avremo occasione».

L’omaggio dei Palasport

«Dal giorno dell’inattesa scomparsa di Stefano – hanno dichiarato Claudio e Pier, fondatori dei Palasport – abbiamo pensato cosa potessimo fare per rendere omaggio a un artista così geniale, conosciuto in occasione della finale del concorso riservato alle tribute-band dei Pooh, a Ponte di Legno: ci colpì l’attenzione che poneva alle esibizioni di ciascuna formazione, segnava il valore di ciascuna esibizione sulla sua agenda; altra occasione il tratto di strada Taranto-Brindisi per accompagnarlo all’aeroporto: ci chiese tutto del nostro lavoro e fu prodigo di consigli».

«Da parte nostra – ha concluso Adriano Di Giorgio, direttore artistico del cinema-teatro Orfeo – mia e di mio fratello Luciano, tutta la disponibilità per dare alla tribute-band dei Pooh, i Palasport, di poter realizzare un ricordo degno di un artista del calibro di D’Orazio, mente di una formazione che non a caso ha scritto pagine memorabili per la canzone italiana».

L’unica tribute-band ufficiale dei Pooh

I Palasport, tribute-band ufficiale dei Pooh, premiata del titolo nel quarantennale di attività di Roby, Dodi, Stefano e Red (in giuria insieme con Mario Luzzatto Fegiz e don Mazzi), in venticinque anni sono stati gli unici ad avere ricostruito e riproposto con costanza e perizia tecnica repertorio, palchi, scenografie, costumi e strumenti utilizzati nei vari tour della formazione musicale italiana più amata. Nella loro attenta ricerca, nel tempo i Palasport hanno inoltre arricchito la propria collezione con strumenti appartenuti agli stessi Pooh. Dopo il cinquantennale celebrato dai quattro artisti, i quattro ragazzi tarantini hanno aggiunto pezzi pregiati alla loro collezione-Pooh: altre scenografie, strumenti e le batterie originali appartenute a Stefano D’Orazio.

Il tributo e gli ospiti

A un anno dalla scomparsa di Stefano D’Orazio, i Palasport dedicano al batterista, autore, scrittore, polistrumentista, un tributo con cantanti, musicisti, una sezione d’archi e performer pugliesi. Hanno assicurato la loro presenza allo spettacolo di lunedì 8 novembre al teatro Orfeo di Taranto: Silvia Di Stefano e Maurizio Semeraro (fra i protagonisti di Pinocchio, Aladin, W Zorro), i Terraross, Scuola di teatro Orfeo, Fabio Barnaba, Egidio Maggio, Franco Cosa, Giuseppe Di Gioia, Martino De Cesare, Michael White, SFK, Vasconnessi, Leo Tenneriello, Gaetano De Michele, Occhi profondi, Studio teatro danza, Frank Ferrara, Orchestra Tebaide.

Informazioni e biglietti

Il ricavato del concerto sarà devoluto a favore dell’Aido, l’Associazione italiana donatori organi, per la quale per anni D’Orazio è stato testimonial. All’evento, interverrà il vicepresidente nazionale Aido, Vito Scarola.

Il giorno del concerto, oltre alla presentazione del libro “Tsunami” scritto da Stefano D’Orazio e pubblicato postumo, nel foyer del teatro sarà esposta una delle batterie di Stefano D’Orazio.

Info: 329 077 9521. Acquisto ticket online su www.teatrorfeo.it (dopo le 18.00 info allo stesso botteghino del teatro Orfeo).

Taranto e la sua Magia: spettacolo itinerante tra tradizione e musica popolare

magia
foto social Tarantinidion APS

Un nuovo capitolo che si aggiunge al grande manoscritto, denominato “Taranto e la sua Magia: Nox Tenebrarum Inferorum tra tradizione e musica popolare” e tramandato dagli antichi saperi dell’antichissima historia tarentina e non solo.

Un rito di passaggio, una iniziazione ancestrale vergata da mani esperte, custodi dell’antica arte magica e che in determinati periodi dell’anno, ritornano più forti che mai nel Mondo, oltrepassando quel fioco confine col Regno dei Morti.

La cordata Tarantinidion APS e Taranto: Una Finestra su… è onorata di rendere noto, in collaborazione con l’ L’Associazione “Vito Foeleo” un nuovo capitolo che ben presto sarà svelato, sfogliando le pagine di historia e scandendo le sabbie del tempo de “Taranto e la sua Magia – Nox Tenebrarum Inferorum “, special edition. Spettacolo itinerante

Lo spettacolo itinerante Taranto e la sua magia

Una passeggiata culturale che si snoderà tra i meandri della tradizione magica tarantina che, vi condurrà per mano in un suggestivo spettacolo itinerante: uno spettacolo singolare nel panorama tarantino, impreziosito dai rituali magici, figure mitologiche, scongiuri e pratiche popolari dal fascino misterioso. Un viaggio etno-antropologico nella magia popolare tarantina e non solo, questa volta gettando luce sulle ombre dell’antico rituale del “Culto dei Morti” a Taranto e non solo.

I racconti dei nostri antenati, prenderanno vita in uno spettacolo musico-teatralizzato, accompagnato da performance a tema. Ci avventureremo tra VICOLI, ANDRONI dei palazzi nobiliari tarantini, dove storia e tradizione, accompagnate dalla musica popolare tarantina, spesso s’incrociano, generando racconti davvero singolari.

La tradizione della magia tarantina

STORIE DI FANTASMI, FIGURE LEGGENDARIE PROTAGONISTE DELL’IMMAGINARIO DELLA CITTÀ VECCHIA. Vi racconteremo d’‘u Mìenze Marenare, d’‘a Suore Baffute, della leggenda d’Isabella De Toledo e altro ancora.

Informazioni

DOMENICA 31 OTTOBRE 2021. L’adunanza è prevista per le ore 17:30 per il check-in che, avrà luogo c/o piazza Duomo in Città Vecchia a Taranto, al cospetto del Duomo di San Cataldo. Lo start dello spettacolo itinerante è fissato per le ore 18:00.

Al termine dell’evento, come è giusto che sia, la tradizione popolare incontra la tradizione enogastronomica a tavola; APERICENA di chiusura serata, rigorosamente a lume di candela, accompagnata da …… non sveliamo cosa succederà. Main partner dell’evento: Bar Duomo Taranto Vecchia.

Ticket spettacolo + consumazione € 15.00 a persona (bambini fino a 10 anni gratis con solo costo di consumazione). Lo spettacolo avrà luogo con il raggiungimento della soglia minima di 10 prenotati, rispettando, ovviamente tutte le norme igiencio-sanitarie anti covid19.

NECESSARIA LA PRENOTAZIONE. Info. e prenotazioni, contattare o mandare un WhatsApp al numero: 3770948143

I protagonisti

Gli artisti, musici e progettisti che ci accompagneranno in questa nuova avventura: Cinzia Pizzo: voce, castagnette e danza; Giù Di Meo: narrazione, voce e chitarra; Antonello Cafagna : narrazione e chitarra; Vincenzo Ludovico: project management.

Improvvisazione Teatrale a Lecce, lezioni di prova gratuita

improvvisazione teatrale

Ripartono i corsi di Improvvisazione Teatrale della Scuola “Improvvisart”. Mercoledì 27 ottobre alle ore 20:00 presso la sede della Scuola “Improvvisart” di Lecce si terranno le lezioni di prova del corso aperte a tutti coloro  che vogliono entrare nel fantastico mondo di questa arte nobile, coinvolgente e divertente.

A tenere le lezioni saranno i docenti certificati SNIT (Scuola Nazionale Improvvisazione Teatrale) della Compagnia Improvvisart Fabio Musci, Paolo Paticchio ed Elena Selleri che vi aspettano per due ore di lezione totalmente pratiche, per avvicinarsi a questa disciplina artistica, sperimentare se stessi in un entusiasmante lavoro di gruppo e lasciarsi avvolgere dalla magia.

Informazioni per i corsi di improvvisazione teatrale

Per prenotare il proprio posto ed avere tutte le informazioni sul corso e sulle lezioni prova basta mandare una email a info@improvvisart.com con i propri dati e contatti o chiamare il 3287686080. I posti sono limitati.

Il corso si svolgerà presso la sede di Improvvisart sita in via Mario di Lecce, n.10 da settembre a maggio, con lezioni di due ore a settimana. Il percorso didattico è suddiviso in 9 mesi ed è aperto a tutti, con esperienza teatrale e non.

La scuola Improvvisart

La scuola di Improvvisazione Teatrale “Improvvisart” è sede ufficiale della S.N.I.T. (Scuola Nazionale Improvvisazione Teatrale) ed è l’unica scuola di teatro in Puglia riconosciuta dall’Associazione Professionale Nazionale Improteatro, offrendo un percorso di studi triennale e di specializzazione con corsi base, avanzati e per professionisti.

Le lezioni, in ottemperanza delle norme vigenti, saranno accessibili solo con green pass, verranno aperte ad un massimo di 12 allievi e si svolgeranno nel rispetto delle norme previste dalla legge.

“Amata Siria…”: emozionante spettacolo a Taranto

Amata Siria

«Amata Siria…»: Nahel Al Halabi dirige l’Orchestra della Magna Grecia. Il dolore di un Paese piegato da una guerra dimenticata. Progetto che gode della benedizione di Papa Francesco e del patrocinio dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati.

Quello in programma giovedì 28 ottobre alle 21.00 al Teatro comunale Fusco con l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Nahel Al Halabi, è sicuramente uno degli spettacoli più attesi della rassegna “Aspettando il Mysterium Festival” per intensità ed emozioni.

L’autore di “Amata Siria”

«Muore solo chi viene dimenticato, nessuno è solo se la sua sofferenza viene condivisa». Nahel Al Halabi, compositore e direttore d’orchestra di Damasco, parla così della sua “Amata Siria” da dove manca dal 2012, da quando cioè la guerra lo ha costretto a partire lasciando prestigiosi incarichi, come quello di professore ordinario presso il Conservatorio Superiore di Musica di Damasco (Accademia Nazionale di Musica), la direzione dei Conservatori del Paese e la guida della sua creatura, l’Orchestra Filarmonica Siriana (Syrian Philarmonic Orchestra).

Lo spettacolo “Amata Siria”

“Amata Siria – Musica che racconta storie”, progetto che gode della benedizione di Papa Francesco e del patrocinio dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (UNHCR), racconta in musica il dolore di una terra piegata da una lunga guerra che sembra essere stata dimenticata. Il programma musicale è realizzato in collaborazione con l’Associazione culturale CEDEM Centro danza, con sede in via D’Ayala a Talsano. Coreografie di Flaminia Ciura.

Informazioni e prenotazioni

La rassegna “Aspettando il Mysterium Festival” è promossa dall’Arcidiocesi di Taranto insieme con il Comune di Taranto e l’Orchestra della Magna Grecia e in collaborazione con Ministero della Cultura, Regione Puglia e le Corti di Taras. Eventi condivisi con Pugliapromozione (#WeareinPuglia) e con il Comitato scientifico del Mysterium Festival, con la preziosa collaborazione di istituti, aziende e attività come BCC San Marzano, Fondazione Puglia, Programma Sviluppo, Comes, Chemipul, Fondazione Taranto e la Magna Grecia.

Ingresso 5euro. Orchestra della Magna Grecia: Taranto, via Giovinazzi 28 (392.9199935). Info e aggiornamenti su: www.orchestramagnagrecia.it

Carmen Consoli in Concerto a Taranto

Carmen Consoli
Social Carmen Consoli- Foto di Umberto Lopez

La cantautrice Carmen Consoli sarà sul palco del Teatro Fusco con la tappa del tour “Volevo fare la rockstar”.

Ecco che arrivano le prime certezze sulla ricca stagione invernale organizzata dal Comune di Taranto, con la collaborazione del Teatro Pubblico Pugliese, e del Teatro comunale Fusco. Chiuso l’accordo con il management di Carmen Consoli che salirà sul palco del Teatro Fusco venerdì 3 dicembre 2021 con una tappa aggiuntiva del suo ultimo tour: “Volevo fare la rockstar”.

Il tour di Carmen Consoli

La cantautrice siciliana prosegue anche nel capoluogo jonico la tournee del suo ultimo album che la sta portando nei teatri di tutta Italia; “Volevo fare la rockstar” è un tour che narra i sogni dell’artista siciliana che hanno caratterizzato la sua crescita e la sua vita, in particolar modo il rapporto strettissimo con la musica, amore che ha plasmato a tutti gli effetti la vita della cantautrice e che ancora adesso è il motore che la spinge a ricercare e variare il suo repertorio. Non sono solo i sogni ad essere portati in scena, ma anche la grande tenacia dell’artista, che con questo tour mette in atto la sua forza di volontà decidendo di riprendere con “impegno e coerenza” lo scambio col pubblico lasciato in sospeso due anni fa.

“L’aggiunta della data tarantina al tour di Carmen Consoli è la dimostrazione di come il lavoro fatto in questi anni stia dando i suoi frutti – ha detto l’assessore alla cultura Fabiano Marti, che così prosegue- “Cambiare la narrazione relativa alla città di Taranto e renderla un polo culturale del sud Italia, ha reso la nostra città una vera e propria calamita e fonte d’interesse per grandi artisti come Carmen Consoli, altro nome che siamo felici di aggiungere alla lunga lista di personalità legate alla nostra città.”

Informazioni e biglietti

L’inizio dello spettacolo è previsto a partire dalle 21:00, i biglietti sono in vendita a partire da oggi sul sito TicketOne.it, nelle biglietterie aderenti al circuito e presso il box office del Teatro Fusco dal martedì al venerdì, oltre al giorno dell’evento, con i seguenti orari: dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00.

Week end di Halloween con “Monsters – Taranto Horror Film Festival”

monsters

Dopo l’ultima edizione svoltasi on line con successo nazionale lo scorso marzo, dal 28 al 31 ottobre torna MONSTERS – Taranto Horror Film Festival con la sua quarta edizione, nuovamente in presenza e nella originale collocazione autunnale, in prossimità di Halloween.

È grande l’attesa tra gli appassionati del genere per il primo evento nella città pugliese interamente dedicato alla paura e alle creature del fantastico. Due i luoghi di questa edizione: il cinema Ariston (via Abruzzo) per i primi due giorni e lo Spazioporto (zona Porta Napoli), che ospiterà Monsters il sabato e la domenica. L’ingresso a tutte le serate è libero, ma con obbligo di Green Pass.

Il festival è organizzato dall’associazione culturale Brigadoon – Altre storie del cinema, con il contributo del Centro Studi Cinematografici finanziato dal MiC – Ministero della Cultura, con la partecipazione del Comune di Taranto, di Apulia Film Commission e Regione Puglia e con la collaborazione di Spazioporto / Afo6, Shockproof, Magnifica Ossessione, Libreria Dickens. Festival partner sono Vicoli Corti – Cinema di periferia, Fantafestival, Apulia Horror International Film Festival. La direzione artistica è di Davide Di Giorgio.

5 sezioni per Monsters – Taranto Horror Film Festival

Sono cinque le sezioni individuate dagli organizzatori per la quarta edizione del Taranto Horror Film Festival:

F for Frankenstein
Dalle origini al presente, attraversando formati e generi, un viaggio fra le varie trasposizioni del Moderno Prometeo nato dalle pagine del romanzo di Mary Shelley e diventato un fenomeno globale attraverso il cinema. Il programma spazia dalla primissima apparizione sullo schermo del 1910, musicata dal vivo dal Collettivo Zeugma in una serata evento in collaborazione con Vicoli Corti, alla più celebre versione del 1931 di James Whale, fino alla più recente reinvenzione di Depraved, diretto da un grande nome del cinema indipendente americano, Larry Fessenden, e proposta in anteprima. L’autore statunitense sarà anche al centro di un programma specifico, che al lungometraggio affiancherà il videoclip Frankenstein Cannot Be Stopped (per la band Life In A Blender) e il corto N for NEXUS (parte del film collettivo ABC of Death volume 2). Chiude la selezione il folgorante corto Saint Frankenstein, di Scooter McCrae, che reimmagina il corpo della creatura come territorio di trasformazione, aprendo la via a una prospettiva transgender sul mito.

Transhorror
La quarta edizione di Monsters intende proseguire il percorso sugli “Altri Sguardi” iniziato nel 2020 con il focus “al femminile” de Le Signore del Male e sempre orientato a esplorare i modi con cui l’horror racconta le trasformazioni in atto in una società che vuole essere sempre meno raccontata con i moduli del passato e sempre più inclusiva. Il focus di quest’anno sarà perciò indirizzato sulle questioni gender e transgender, attraverso una serata specifica a tematica LGBTQ. Sarà così possibile ritrovare sul grande schermo il primo e più controverso horror mainstream con sottotesto omosessuale, ovvero Nightmare 2 – La rivincita, diretto da Jack Sholder in quel 1985 che con la morte di Rock Hudson poneva la comunità gay al centro delle polemiche per l’insorgente piaga dell’AIDS. Aspetto quest’ultimo, raccontato nel documentario Scream, Queen! My Nightmare on Elm Street, di Roman Chimienti e Tyler Jensen (altra anteprima del programma) che racconta l’incredibile storia di Mark Patton, vittima di Freddy Krueger in Nightmare 2, omosessuale non dichiarato che proprio da quel film si vide distruggere la carriera. Il film racconta la caduta e la rinascita di un attore e un uomo prima incolpato e poi riportato in trionfo dalla riscoperta di un film reietto diventato nel frattempo un cult-movie, in un percorso umano e professionale ritratto con rara efficacia. Un’opera sensibile e universale nei temi affrontati, dal bullismo, alla solitudine, al potere anticipatore del cinema horror.

Nuove Tendenze
È lo spazio dedicato alle anteprime e ai film di più recente produzione da riscoprire o riportare sul grande schermo. La selezione spazia dall’Uruguay di Red Screening – Proiezione mortale, di Maximiliano Contenti, presentato in anteprima assoluta per il nostro Paese, nell’ancora inedita edizione italiana curata da Koch Media, che lo distribuirà nei prossimi mesi. La storia di un assassino che agisce in una sala cinematografica promette un’esperienza unica vista sul grande schermo del cinema Ariston nel “last screening” della prima giornata di festival. Segue il canadese Bloodthirsty – Sete di sangue, di Amelia Moses, altra anteprima del catalogo Midnight Factory, che affronta il tema della licantropia ancora una volta in chiave di trasformazione del corpo e ridefinizione della sessualità. In questo senso va anche il recupero del francese Raw – Una cruda verità, esordio della regista Julia Ducournau, Palma d’Oro al Festival di Cannes 2021 con la sua opera seconda Titane, che per la prima volta sarà possibile vedere sul grande schermo. Una storia di medicina, crescita, trasformazione e cannibalismo.

Notte Joe D’Amato
Dopo l’apprezzatissima Notte Fulci della seconda edizione, si ripropone il formato documentario più film per omaggiare un grande maestro del cinema di genere italiano. La carriera di Joe D’Amato viene infatti riassunta nel documentario Inferno rosso: Joe D’amato sulla via dell’eccesso, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia e di recente premiato a Sitges, il prestigioso festival internazionale del cinema fantastico della Catalogna. Diretto da Manlio Gomarasca e Massimiliano Zanin, il film racconta con affetto la vita coraggiosa, folle, spericolata di Aristide Massaccesi (alias Joe D’Amato, appunto) attraverso testimonianze esclusive per ridare il corretto posto nella storia a un autore che ha completamente votato sé stesso al set cinematografico. A seguire la proiezione di un classico dell’autore, Buio Omega, una perversa storia d’amore oltre la morte, con un gusto particolare per le immagini forti e un’attenzione spiccata alla morbosità dei legami che spinge a infrangere ogni barriera. La serata sarà introdotta senza compromessi da Dikotomiko Cineblog della rivista Nocturno.

Gli eventi speciali di Monsters – Taranto Horror Film Festival

Accanto ai filoni principali, nel corso delle quattro serate di Monsters vi saranno delle proiezioni speciali, in collaborazione con realtà partner o in occasione di particolari ricorrenze. Si parte il primo giorno con il focus su Jeff Lieberman, talento irriverente dell’horror americano, omaggiato all’ultimo Fantafestival e di cui si recupererà il poco visto Sindrome del terrore, in cui si raccontano con ironia gli effetti devastanti di una nuova droga nel contesto dell’America anni Settanta. Il film accompagna l’uscita del libro curato da Michele De Angelis e Simone Starace per l’omaggio al festival romano.

Sempre il 28 ottobre vedrà protagonista il cortometraggio Dorothy non deve morire, del tarantino Andrea Simonetti, che ritrova i protagonisti del Mago di Oz in una chiave inedita, crepuscolare e poetica. La proiezione sarà accompagnata dagli autori. Sabato 30 l’apertura vedrà invece l’anteprima (a poche ore dal suo lancio nazionale) di “Psyche”, estratto dal live video della band pugliese Phenomena con la partecipazione straordinaria del Maestro Claudio Simonetti, già leader dei Goblin e autore degli indimenticabili temi dei più famosi film di Dario Argento. Del video verrà proposto un estratto, accompagnato dalla presenza in diretta streaming di Simonetti. L’appuntamento è realizzato in collaborazione con Afo6 e Node. A seguire il peculiare VHS: Video Horror Story, omaggio a un supporto “mitico” dell’home video che ha cresciuto generazioni di cultori e appassionati, raccontato attraverso il documentario Via Selmi 72, Cinemastation, di Anthony Ettorre, Giuseppe Cacace, Mauro Diciocia, che rievoca l’avventura dell’omonima videoteca romana gestita dal compianto Angelo Puzzutiello, punto di riferimento per cinefili duri e puri in cerca delle visioni più estreme e rare. La proiezione sarà accompagnata dagli autori. E per i nostalgici delle visioni in videocassetta è previsto anche un momento a sorpresa.

Infine la chiusura, riservata a un moderno classico che quest’anno celebra il suo 25° anniversario, Dal tramonto all’alba, frutto della sinergia fra il geniale regista texano Robert Rodriguez e lo sceneggiatore/attore/autore Quentin Tarantino. La folle esperienza tra gangster e vampiri rivive sul grande schermo dello Spazioporto in una cornice speciale a tema, preludio al Titty Twister Halloween Party (in collaborazione con Afo6) con cui il festival saluterà il pubblico rimandandolo alla prossima edizione.

Il manifesto della quarta edizione è stato realizzato da Annalisa Manfredi, illustratrice e graphic designer, che già aveva firmato il bozzetto per la seconda edizione e che in questo caso rielabora l’inconfondibile maschera del mostro di Frankenstein Universal, reso immortale dall’interpretazione di Boris Karloff, dalla regia di James Whale e dal geniale make up di Jack Pierce.

Questa edizione è dedicata a Michele De Angelis, un amico del festival, venuto a mancare nei giorni scorsi. A questa personalità poliedrica (regista, sceneggiatore, produttore, distributore, archivista, restauratore, documentarista, animatore culturale, editore home video e organizzatore di festival), che dal 2019 aveva assunto la co-direzione del Fantafestival insieme a Simone Starace, verrà dedicato un ricordo nel corso della giornata di chiusura.

Il programma

Giovedì 28/10/2021 – Cinema Ariston (via Abruzzo 77)

18:30
Eventi – Focus Jeff Lieberman
Sindrome del terrore, di Jeff Lieberman
(Usa, 1978, 96′, versione originale sottotitolata)

20:30
Evento d’Apertura
Dorothy non deve morire, di Andrea Simonetti
(Italia, 2021, 22′)
incontro con gli autori

a seguire
F For Frankenstein
Frankenstein, di James Whale
(Usa, 1931, 71′, versione originale sottotitolata)

22:30
Nuove tendenze
Red Screening – Proiezione mortale, di Maximiliano Contenti
(Uruguay, 2020, 86′, versione italiana) – Anteprima italiana

Venerdì 29/10/21 – Cinema Ariston (via Abruzzo 77)

18:30
F for Frankenstein
Frankenstein cannot be Stopped, di Larry Fessenden
(Usa, 2014, 5′)

N for Nexus, di Larry Fessenden
(Usa, 2012, 4′, versione originale sottotitolata)

Depraved, di Larry Fessenden
(Usa, 2019, 114′, versione originale sottotitolata) – Anteprima

20:30
Notte Joe D’amato
Inferno Rosso: Joe D’amato sulla via dell’eccesso, di Manlio Gomarasca e Massimiliano Zanin
(Italia, 2021, 70′)
Introduce Dikotomiko Cineblog (“Nocturno Cinema”)

22:30
Notte Joe D’amato
Buio Omega, di Joe D’Amato
(Italia, 1979, 90′)

Sabato 30/10/21 – Spazioporto (via Niceforo Foca 28, zona Porta Napoli)

18:30
Eventi
Anteprima “Psyche”
estratto dal live video di Phenomena + Claudio Simonetti (Goblin)
in collaborazione con Afo6
introduce in collegamento video Claudio Simonetti

19:00
Eventi – VHS: Video Horror Story
Via Selmi 72, Cinemastation, di Anthony Ettorre, Giuseppe Cacace, Mauro Diciocia
(Italia, 2008, 53′)
Incontro con gli autori

a seguire
Programma a sorpresa

20:30
F for Frankenstein / Transhorror
Saint Frankenstein, di Scooter McCrae
(Usa, 2015, 15′, versione originale sottotitolata)

Transhorror
Scream, Queen! My Nightmare on Elm Street, di Roman Chimienti e Tyler Jensen
(Usa, 2019, 99′, versione originale sottotitolata) – Anteprima
Interviene Luigi Pignatelli (Arcigay Taranto)

22:30
Transhorror
Nightmare 2 – La rivincita, di Jack Sholder
(Usa, 1985, 85′, versione originale sottotitolata)

Domenica 31/10/21 – Spazioporto (via Niceforo Foca 28, zona Porta Napoli)

18:30
Nuove tendenze
Raw – Una cruda verità, di Julia Ducournau
(Francia, 2016, 99′, versione originale sottotitolata)

20:15
Omaggio a Michele De Angelis

20:30
Eventi / F For Frankenstein
in collaborazione con Vicoli Corti
Collettivo Zeugma musica dal vivo
Frankenstein, di J. Searle Dawley
(Usa, 1910, 13′)

Nuove tendenze
Bloodthirsty – Sete di sangue, di Amelia Moses
(Canada, 2020, 84′, versione italiana) – Anteprima

22:30
Eventi – Film di chiusura
Dal tramonto all’alba, di Robert Rodriguez [25° Anniversario]
(Usa, 1996, 108′, versione italiana)

0:00
Afo6 presenta:
Titty Twister Halloween Party