Pubblicità

Natale nella Taranto sotterranea e notte bianca dell’archeologia

Una serie di attività, per tutto il periodo festivo, in quella parte di città meno conosciuta. Debutta- in versione natalizia- il progetto di archeologia urbana Taranto Sotterranea: visite guidate, mostre fotografiche, installazioni, teatro, racconti, giochi per bambini e molto altro. Un calendario ricchissimo, che partirà il 22 dicembre per concludersi il 6 gennaio.

Tutto questo, con un momento clou, quello della Notte Bianca dell’Archeologia, in programma il 29 dicembre. L’iniziativa è inserita nel cartellone di eventi del Comune di Taranto ed è possibile grazie all’impegno delle cooperative Ethra, Nove Lune e Polisviluppo costituitesi in ATI (Assiociazione Temporanea d’Imprese) e che, da anni, operano sul territorio per valorizzarne l’immenso patrimonio culturale.

Siamo molto emozionati- commentano i promotori- perché questa è una vera e propria sfida. Non è facile scommettere su queste iniziative, ma noi vogliamo crederci. Taranto è storia, è bellezza, è una città che può continuamente sorprendere”. Del circuito fanno parte aree archeologiche di grandissimo interesse e valore: da quella di via Marche alle Tombe a camera di via Pio XII, via Pasubio, via Umbria e via Sardegna, senza dimenticare la Cripta del Redentore e la Tomba degli Atleti. Inoltre, le iniziative coinvolgeranno anche la Domus di via Nitti, la Villa Peripato e la città vecchia, con gli ipogei di via Cava. Insomma, la Taranto che non ti aspetti, spesso difficilmente fruibile, ma ora interessata da un nuovo corso e da una nuova attenzione, grazie anche all’impegno del Comune, in sinergia con professionisti del settore, convinti di voler fare qualcosa di importante per la città. Il programma completo delle visite guidate e delle aperture dei siti archeologici nel periodo delle festività è repertibile sulla pagina Facebook Taranto Sotterranea (singolo ingresso 1.50 euro, visita guidata 4 euro).

Per quanto riguarda la Notte Bianca dell’Archeologia, si tratta di un’esclusiva per la Puglia e prevede reading teatrali, visite guidate teatralizzate, ricostruzioni storiche, attività ludico-laboratoriali, mostre fotografiche, degustazioni e installazioni artistiche. Biglietto 10 euro, gratis per i bambini fino a 8 anni, ridotto 4 euro dagli 8 ai 14 anni. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’associazione Terra e grazie alla disponibilità della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto.

Intanto, i primi appuntamenti da segnare sono- in ordine di tempo- venerdì 22 dicembre con l’inaugurazione dell’allestimento fotografico nell’area archeologia di via Pasubio (visibili immagini degli scavi e delle attività che portarono alla scoperta, alla messa in luce e al restauro della grande tomba a camera), nella tomba a camera dipinta di via Pio XII (allestimento e installazione “site specific” dell’artista Ezia Mitolo), nella tombe di via Pio XII, Pasubio, Umbria e Sardegna mostra fotografica su territorio e beni culturali del fotografo Emilio Cattolico). Il 23, inoltre, sarà possibile l’apertura straordinaria dei siti di via Marche e Pio XII (dalle 17 alle 20) e la vista guidata (alle 10.30 e alle 12.45) nell’area archeologica di Via Marche, nelle tombe a camera gemine di via Sardegna e della Cripta del Redentore.

World Cleanup Day: iniziative a Taranto

world cleanup day

Passa da Taranto il World Cleanup Day, la più grande azione civica positiva esistente. L’obiettivo è ripulire il mondo dai rifiuti e mantenerlo pulito attraverso il piano di riduzione globale.

Nel prossimo fine settimana, il 18 e 19 settembre, protagoniste le associazioni tarantine con il supporto di Kyma Ambiente e amministrazione Melucci. Dalla Marina di Taranto al centro cittadino, in programma una serie di iniziative che coinvolgeranno i volontari e tutti quelli che vorranno contribuire a questa azione collettiva. Kyma Ambiente, da sempre al fianco delle varie realtà associative, grazie anche alla positiva esperienza della rete “A…Raccolta!”, metterà a disposizione tutto il materiale utile per la raccolta dei rifiuti e si occuperà di prelevare e smaltire quanto individuato dai volontari.

Si parte sabato 18 settembre alle 9:30 sul tratto costiero della Marina di Taranto per una pulizia del litorale a cura di SiAmo Taranto. Dalle 10:00 Retake Taranto, Pro Loco Capo San Vito e Comitato PezzavillaVerde&Sport saranno impegnate sul Lungomare Vittorio Emanuele III.

Sempre sabato 18 alle ore 11:00, nel tratto antistante piazza Ebalia,sarà presentata alla stampa la nuova spazzatrice elettrica dal sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e dal presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli. Questo mezzo utilizza un sistema di alimentazione 100% elettrico, totalmente in linea con le migliori tecnologie esistenti in tema di compatibilità ambientale. La spazzatrice, oltre ad essere a impatto zero, annulla anche il fenomeno dei rumori, particolarmente sensibile in zone come borghi e centri storici. Grazie alla sua silenziosità, infatti, consente un’azione efficace e che si concilia alla perfezione con l’ecosistema circostante. Di facile manualità, è adatta per il lavoro all’interno dei vicoli della città vecchia di Taranto ed è già a disposizione di Kyma Ambiente, consolidando il suo parco automezzi.

Alle ore 16:30 ApsPittaggio del Baglio e Federconsumatori in azione a largo San Martino e lungo la sua scalinata nell’Isola Madre di Taranto. Le stesse associazioni ripuliranno via Garibaldi e la sua banchina domenica 19 settembre alle ore 10:30. Sempre domenica, alle 15:30, interventi alla foce del fiume Galeso con Plasticaqquà, Pro Loco Lama e le sue contrade, Retake Taranto e WWF Taranto.

«Anche quest’anno daremo supporto alle associazioni e parteciperemo con grande entusiasmo a questo appuntamento mondiale – commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli – che vede in prima linea i volontari e i cittadini». Un’azione che coinvolge tutto il territorio e che punta l’attenzione, in particolar modo, sull’Isola Madre di Taranto «Consolidiamo la volontà dell’amministrazione Melucci di migliorare la vivibilità nel nostro borgo antico. Dopo la lavastrade, anche con questa spazzatrice saremo ancora più incisivi nelle nostre operazioni quotidiane».

“Settimana Europea della Mobilità 2021”, iniziative a Taranto

mobilità sostenibile

Per la “Settimana Europea della Mobilità 2021” l’amministrazione Melucci ha organizzato un Villaggio della Mobilità che sarà allestito sul lungomare Vittorio Emanuele III di Taranto, nell’area prospicente la rotonda “Marinai d’Italia” dalle 9:30 alle 12:30 di domenica 19 settembre.

L’amministrazione Melucci ha aderito con convinzione a questa iniziativa perché la mobilità sostenibile è uno degli elementi principali del suo programma “Ecosistema Taranto” che sta trasformando in positivo la nostra città e le abitudini dei cittadini.

La mobilità sostenibile a Taranto

Il cambiamento è sotto gli occhi di tutti con piste ciclabili, bike sharing, noleggio monopattini elettrici, idrovie e rinnovo sostanziale della flotta di Kyma Mobilità con nuovi autobus ibridi, un programma che si completerà in futuro con le BRT con le quali cambierà radicalmente l’idea stessa di mobilità dei tarantini.

Nel Villaggio della Mobilità ci saranno stand presso cui i cittadini potranno avere tutte le informazioni su come muoversi in città con la cosiddetta “mobilità dolce”, ovvero utilizzando mezzi “a misura d’uomo” come le biciclette, i monopattini, le biciclette a pedala assistita e, perché no, anche a piedi.

Due percorsi di mobilità sostenibile

Nell’occasione tutti potranno cimentarsi gratuitamente nei due percorsi predisposti nel Villaggio della Mobilità: uno per gli adulti, da percorrere con i monopattini elettrici o le biciclette, e uno per i più piccoli che potranno utilizzare le loro biciclette, monopattini e pattini a rotelle.

Per tutti tanti gadget e materiale informativo, mentre per i più piccoli ci sarà anche un “kid’s corner” in cui personale specializzato farà realizzare ai bambini disegni e giochi sulla mobilità dolce e sulla sua importanza per l’ambiente e sul benessere delle persone.

Il nuovo piano del traffico

Tutti avranno anche informazioni su come poter usufruire dei servizi di Kyma Mobilità comodamente da casa con il pc o lo smartphone senza doversi recare nell’ufficio vendite di via D’Aquino, anche assistiti dal “Kyma”, l’assistente virtuale in chatbot, o pagare la sosta nelle strisce blu con le app disponibili senza dover usare contanti, alcune aziende saranno presenti con gadget e regali per tutti.

Mobilità a tutto tondo: sul lungomare ci saranno anche info point sul nuovo “Piano dinamico del traffico per la città di Taranto”, sulle iniziative per gli “apecar” per la mobilità alternativa dei turisti, sempre più numerosi in città, o sulle soluzioni innovative per monitorare l’inquinamento causato dal traffico veicolare o per incentivare l’uso delle biciclette da parte dei cittadini.

Saranno presenti anche istruttori del SET 118, dell’Asl Taranto e del SIS 118 che illustreranno ai cittadini le manovre salvavita: massaggio cardiaco e disostruzione delle vie aeree in età adulta e pediatrica con l’ausilio di manichini.

Nell’organizzazione del Villaggio della Mobilità l’amministrazione Melucci ha coinvolto l’assessorato alla Mobilità e la Polizia locale, l’assessorato all’Ambiente e Società Partecipate, Kyma Mobilità, l’assessorato ai Servizi Sociali e l’Urban Transition Center; collaborano all’iniziativa BicinCittà, BitMobility, ITSLogistic, MyCicero, PayByPhone e Droptheticket, Trosi Project Aps, l’istituto “Pacinotti”, PinBike di Nico Capogna, Taranto in Calessino e Beefrest.

Al via la prima edizione del Mediterranean Aerospace Matching a Grottaglie

aerospace

Il Mediterranean Aerospace Matching, il primo evento internazionale aerospaziale nato in Puglia, prende il via mercoledì prossimo negli spazi dell’aeroporto Marcello Arlotta di Taranto-Grottaglie con un programma che mette la Puglia al centro dell’universo aerospaziale mondiale.

Più di 90 relatori nazionali e internazionali, 11 panel, una dozzina di dimostrazioni di volo e l’obiettivo di “costruire il nostro futuro” attraverso le nuove frontiere dell’aerospazio. Ad indicarle le maggiori multinazionali al mondo di settore, alte cariche istituzionali, mondo accademico, startup e Pmi innovative nel campo aerospaziale.

Mediterranean Aerospace Matching: le nuove frontiere

Dal 22 al 24 settembre 2021 – in tre giorni di tavole rotonde, incontri b2b e dimostrazioni di volo – a discutere delle nuove frontiere dell’aerospazio saranno i rappresentanti di multinazionali quali: Boeing, Leonardo, Lockheed Martin, Avio Aero e i protagonisti istituzionali che hanno reso l’Europa, l’Italia e la Puglia sempre più grandi nell’economia spaziale: i Ministeri degli Affari Esteri e delle Infrastrutture, le Agenzie Spaziali italiana ed europea Asi ed Esa, l’Enac, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, l’Agenzia Ice, ma anche la Regione Puglia con le sue agenzie e partecipate Arti e Puglia Sviluppo, Aeroporti di Puglia, le Università e il Politecnico pugliesi e il Distretto tecnologico aerospaziale (Dta), tra i principali protagonisti dell’incredibile crescita della Puglia nell’aerospazio.

Nei tre giorni saranno presentati nuovi progetti, si parlerà di droni come simbolo di una nuova mobilità, di voli suborbitali, di sicurezza, di sviluppo economico sostenibile proprio grazie all’aerospazio, di nuove frontiere del trasporto spaziale, dello spazioporto di Grottaglie, ma anche della formazione di giovani talenti. E al centro di tutto le startup e le Pmi innovative nel campo aerospaziale, 25 di esse sono state selezionate per partecipare ad una sessione di coaching a cura di Intesa Sanpaolo che servirà per migliorare business plan e lancio dei progetti.

Per tante altre il Mam rappresenterà la possibilità di incontrare operatori internazionali attraverso la piattaforma digitale Fiera Smart 365, messa a disposizione da Ice-Agenzia, grazie alla propria rete di uffici all’estero.

“La cultura dell’Aerospazio nella vita quotidiana”

“Quando nel 2017 ne parlammo per la prima volta – ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, durante la conferenza stampa di presentazione – un po’ tutti ci prendevano in giro, dicevano che Emiliano si era innamorato dello spazio e mi rappresentavano vestito da astronauta. Non potevano immaginare che la Puglia quando dice una cosa poi la fa e prosegue il suo cammino con coerenza e determinazione. È evidente che si tratta di una impresa complessa ma, come dice un proverbio tradizionale e contadino, ogni giorno abbiamo messo una pietra alla parete, anche nello spazio.

La corsa ai voli suborbitali è in atto, la Puglia ha l’unica struttura europea adatta a partecipare a questa grande competizione. I voli di linea tanto richiesti dal territorio potranno essere più facilmente realizzati grazie a questa iniziativa che crea grande movimento di persone e attrazione del territorio, anche dal punto di vista turistico e industriale. Con questa fiera rafforziamo la cultura dell’aerospazio nella vita quotidiana delle persone in moltissimi settori, a cominciare dall’agricoltura dove le ricadute della tecnologia dello spazio rappresentano un fattore di grande innovazione.

Il Mediterranean Aerospace Matching – ha poi annunciato il presidente – oltre a rientrare nelle iniziative del G20 Spazio, ha meritato la Medaglia del Presidente della Repubblica. Siamo onorati per questo riconoscimento anche perché il Mam intreccia i temi ai quali stiamo ponendo più attenzione in questo momento: il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rispetto al quale lo spazio avrà un ruolo rilevante e le iniziative a favore del rilancio e dello sviluppo sostenibile dell’area di Taranto”.

Nuove sfide aerospaziali al Mediterranean Aerospace Matching

L’assessore alla Sviluppo economico della Regione Puglia Alessandro Delli Noci si è soffermato sulle opportunità per le imprese: “Le innovazioni tecnologiche legate allo spazio – ha spiegato – hanno migliorato l’economia ma anche la vita quotidiana in moltissimi aspetti. E noi vogliamo che le nostre imprese potenzino le loro capacità di agganciare le nuove sfide aerospaziali. Per questo durante i tre giorni del Mam abbiamo riservato grande attenzione alle startup ed alle piccole e medie imprese innovative facendole partecipare a sezioni di coaching e dando loro l’opportunità di venire in contatto con operatori internazionali. Alla fine della manifestazione verranno premiate le loro migliori idee. L’aerospazio è diventato un settore trainante nell’economia della Puglia. Nonostante la crisi nei primi sei mesi del 2021 abbiamo realizzato un fatturato export di oltre 194 milioni di euro. Ma vogliamo migliorare e per farlo puntiamo sulle qualità e innovatività anche delle nostre piccole e medie imprese e delle startup”.

Nuovi traguardi e potenzialità di crescita

“Il Mam – ha sottolineato Giuseppe Acierno, presidente del Distretto tecnologico aerospaziale (Dta) – rappresenta un momento di sintesi e di rilancio delle conquiste, dei nuovi traguardi e delle ambizioni che quotidianamente, insieme ai nostri soci, coltiviamo con impegno, passione e risultati. La partecipazione all’evento dei più grandi player mondiali dell’aeronautica e dello spazio, di startup innovative, fondi di investimento, piccole e medie imprese pioniere nell’uso dei droni in missioni operative, pmi aerospaziali, agenzie nazionali ed internazionali testimonia ancora una volta l’attrattività della Puglia in questo settore e le sue potenzialità di crescita, premia il lavoro condotto negli anni e pone le basi per nuovi sviluppi”.

Una nuova frontiera dell’economia

Per Giorgio Saccoccia, presidente Asi (Agenzia Spaziale Italiana) “Lo spazio rappresenta la nuova frontiera dell’economia che vede l’Italia e in particolare la regione Puglia tra i protagonisti. La prossima settimana sarà interamente dedicata allo spazio. Inizieremo lunedì con tutti i capi agenzia del G20 che si incontreranno a Roma per poi arrivare in Puglia, per il Mediterranean Aerospace Matching (Mam) di Grottaglie. Come Agenzia Spaziale Italiana il 23 settembre al Mam presenteremo le grandi opportunità che offre lo spazio a partire dal trasporto spaziale, la grande sfida del futuro perché parlare del futuro del trasporto spaziale vuol dire anche aprire le porte a quello che sarà il futuro del trasporto terrestre, ad alta velocità e con collegamenti in tempi brevissimi tra luoghi lontani della terra. Nel piano del Pnrr ci sono importanti risorse dedicate allo spazio e alle “fabbriche spaziali” del futuro che ci auguriamo, grazie agli investimenti del Pnrr, e ad investimenti privati, di poter realizzare in Italia magari in Puglia. Infine, il progetto Space Rider, la navetta riutilizzabile, sviluppata dall’Esa su iniziativa dell’Asi che rappresenta un motivo di orgoglio per l’Italia e che si candida ad utilizzare Grottaglie come base di rientro.”

L’importanza dell’aeroporto di Grottaglie

Il vice presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile, ha voluto ripercorrere la trasformazione e lo sviluppo dell’aeroporto di Grottaglie. “Aeroporti di Puglia – ha detto – vincendo scettiscismo e perplessità, ha accettato e vinto la sfida di fare dell’aeroporto di Grottaglie un centro di eccellenza di livello internazionale nel campo aeronautico e spaziale. Una scelta lungimirante, sempre sostenuta dalla Regione Puglia e dall’Enac, che ha fatto sì che l’aeroporto di Grottaglie divenisse prima test bed per lo sviluppo, la sperimentazione e certificazione di progetti in campo aeronautico aerospaziale e, successivamente, l’unico spazioporto italiano per lo sviluppo strategico dell’autonomo accesso allo spazio. Con eguale determinazione abbiamo raccolto la sfida di ospitare, in quella che per noi ne è la sede naturale, la prima delle tre edizioni programmate di questo grande evento internazionale del mercato aerospaziale che, è giusto ricordarlo, si terrà per la prima volta in Italia”.

Un piano nazionale per la mobilità aerea avanzata

Carmela Tripaldi, direttore Regolazione Navigabilità dell’Enac, ha evidenziato il ruolo dell’Enac nello sviluppo delle nuove frontiere: “Uno degli obiettivi dell’Enac è quello di traguardare il settore dal trasporto aereo al comparto aerospaziale, dagli ultraleggeri ai mezzi per i voli suborbitali. Il Mam è per l’Enac anche l’occasione per presentare il Piano strategico nazionale per la Mobilità Aerea Avanzata (Aam). L’Enac, e di conseguenza il sistema Paese, sono pronti per la nuova sfida: abbiamo una roadmap e un Piano che delineano una strategia nazionale per creare un ecosistema dedicato alla mobilità avanzata in grado di sfruttare la terza dimensione e permettere alle imprese italiane di essere protagoniste nell’adozione e fornitura di prodotti di mobilità aerea. Siamo certi che l’Enac avrà un ruolo decisivo nel consegnare alle nuove generazioni una mobilità aerea urbana, integrata e intermodale che combini immaginazione, capacità progettuale e concretezza, all’interno di un Paese più moderno.”

Un’attesa e importante iniziativa

Assente per altri impegni istituzionali, il presidente dell’Agenzia Ice Carlo Ferro ha commentato a margine: “Siamo molto orgogliosi per la realizzazione di questa importante iniziativa che finalmente, dopo molta attesa, riesce a vedere la luce in un Paese e in una Regione in decisa ripresa e che concorre in modo decisivo al ruolo che l’Italia svolge nel settore. L’obiettivo è quello di favorire una maggiore integrazione nel sistema aerospaziale pugliese come interlocutore nello sviluppo tecnologico e culturale del settore a livello nazionale e internazionale. Tre giorni dunque di intenso lavoro: un punto di incontro tra le start up, le pmi ed il sistema finanziario internazionale e quello dei fondi di investimento, incluse le più grandi imprese del settore aerospaziale, e con il supporto della piattaforma dell’Ice Fiera Smart 365 per favorire il contatto con gli operatori esteri selezionati. Buon lavoro a tutti.”

I temi della manifestazione

I droni e le innovazioni tecnologiche legate ad essi rappresentano il tema principale della manifestazione, in quanto simbolo di una nuova mobilità sia delle persone che delle merci. Non solo costituiscono il tema centrale di molti panel ma sono i protagonisti di una dozzina di dimostrazioni di volo in quattro aree tematiche: le attività di gestione della manifestazione; la sicurezza delle infrastrutture; i nuovi prodotti; il lavoro aereo. Al Mam si vedranno droni impegnati in operazioni di controllo anche attraverso un sistema di riconoscimento automatico delle persone, nel recupero di oggetti e nello svolgimento di una missione operativa con l’utilizzo integrato di un drone e di un elicottero per l’individuazione di una persona dispersa e ferita (con il drone) e per il suo recupero (con l’elicottero).

Tra gli obiettivi del Mam anche allineare l’offerta di alta formazione specialistica alle sfide tecnologiche e alle richieste provenienti dal sistema di impresa. La manifestazione infatti si propone anche come occasione per avvicinare alle realtà industriali e ai mestieri dell’aerospazio i giovani che in Puglia stanno acquisendo competenze qualificate nel settore.

A questo scopo, nei tre giorni dell’evento, l’Arti organizza un programma di iniziative di orientamento e di divulgazione rivolte ai laureandi e ai dottorandi dei corsi di laurea e di formazione tecnica superiore (Its) pugliesi, coerenti con le attività aerospaziali.

Due le iniziative specifiche:

Speed Professional Networking (in presenza), uno speed date tra imprese, da un lato, e studenti e dottorandi, dall’altro, che hanno risposto a due diverse call nelle scorse settimane. In incontri one-to-one, ognuno della durata di pochi minuti, i giovani illustreranno le proprie competenze e il lavoro cui aspirano. Per startup, Pmi e grandi gruppi, la possibilità di entrare in contatto con risorse umane dalla formazione specialistica, presenti sul territorio pugliese;

Headhunter’s corner (in presenza e in streaming), brevi speech in cui responsabili delle risorse umane di istituzioni e imprese del settore illustreranno ai giovani i “mestieri” dell’aerospazio, le opportunità, i profili professionali emergenti e le modalità di reclutamento di personale qualificato.

Tutti gli eventi del Mam, incluse le dimostrazioni di volo, saranno trasmesse in streaming durante la manifestazione. Il Mam è un’iniziativa promossa a favore del rilancio e dello sviluppo sostenibile dell’area di Taranto, da Ministero dello Sviluppo Economico, Ice-Agenzia e Regione Puglia (Sezione Internazionalizzazione), in collaborazione con Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) e Asi (Agenzia Spaziale Italiana), ad idearlo e progettarlo il Distretto Tecnologico Aerospaziale (Dta). Tra gli organizzatori anche Aeroporti di Puglia (AdP), Arti (Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione) e Puglia Sviluppo, con la partnership di Leonardo e di Intesa Sanpaolo.

Campionato Italiano di Sky Speed Race a Castellaneta

sky speed race

Si svolgerà il 18 settembre a Castellaneta, nel cuore del Parco terra delle Gravine, per la prima volta nel Mezzogiorno, il Campionato Italiano di Sky Speed Race. Per la particolarità della sua location la gara è stata denominata “La scalata dell’Acqua”: si tratterà, infatti, per gli atleti di scalare i 350 gradoni della Gravina Grande del comune jonico, costruiti dall’Acquedotto Pugliese negli anni ’40.

La Sky Speed Race, si inserisce nell’ambito del CUT PUGLIA – Castellaneta Urban Trail, la manifestazione podistica che propone ormai da 4 anni una gara di trail nella natura in un suggestivo percorso che si snoda in gran parte nel parco protetto Terra delle Gravine.

I due eventi, che si svolgeranno a Castellaneta sabato 18 e domenica 19 settembre, organizzati da La Fabrica di Corsa, in collaborazione con la Fiscai ( Federazione Italiana Sky Running) saranno presentati nel corso di una conferenza stampa martedì 14 settembre alle 9.30 nel Palazzo della Provincia di Taranto.

Saranno presenti il Presidente della Provincia di Taranto e Sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti, il Direttore del Parco Terra delle Gravine Stefano Semeraro, il vicepresidente della Fabrica di Corsa Pierdavide Losavio, il presidente provinciale Fidal Luciano Ciussi.

Nel corso della conferenza stampa, oltre al programma della manifestazione, saranno forniti i dettagli sui percorsi di gara.

Taranto, al via l’organizzazione della “Fiera del Mare”

fiera del mare

È in pieno fermento la macchina organizzativa della “Fiera del Mare”, edizione 2021, in programma a Taranto dal 15 al 17 ottobre prossimi e voluta da amministrazione Melucci e Regione Puglia.

La “Fiera del Mare” quest’anno riabbraccia la sua storia, tornando nei giardini della Villa Peripato che ospitarono la sua prima edizione nel 1946, nell’immediato dopoguerra. Un grande evento che per tre giorni accenderà i riflettori sulla cosiddetta “blue economy”, interpretata in tutte le sue sfaccettature, insieme alla narrazione della storia della Fiera.

Presieduta dall’assessore allo Sviluppo Economico Fabrizio Manzulli, si è tenuta una riunione preparatoria in vista dell’atteso evento che richiamerà un gran numero di espositori e visitatori e si svolgerà seguendo i protocolli anti-Covid.

Un briefing che ha coinvolto le tre aziende del gruppo Kyma che si occuperanno, ognuna per le proprie competenze, degli aspetti legati ai preparativi del grande evento che riguardano la viabilità, il decoro e la pulizia, oltre a interventi di ripristino edilizio nelle aree interessate dall’evento fieristico.

Il programma dettagliato della “Fiera del Mare” sarà svelato nei prossimi giorni.

“Carmina Burana”: la monumentale opera in scena a Taranto

Giornate FAI
foto web FAI

Conferenza stampa nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città. L’occasione è la presentazione dei “Carmina Burana” diretti dal Maestro Michele Nitti, in programma martedì 14 settembre sull’ampia e suggestiva scalinata della Concattedrale Gran Madre di Dio.

Presenti all’incontro con gli Organi di informazione, il vicesindaco e assessore alla Cultura Fabiano Marti; il direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia, il Maestro Piero Romano; il presidente di ARCoPu, il Maestro Pierfranco Semeraro. E, il Maestro Nitti, con un contributo video (programmato durante l’incontro con la stampa da “Prime”) in quanto impegnato a Roma nella sua attività politica in veste di deputato.

Dopo il successo registrato in occasione del gran finale del MAP Festival, la Concattedrale si candida autorevolmente nell’ospitare il monumentale lavoro di Carl Orff. Numerosi i protagonisti dell’evento, fra questi: l’Orchestra della Magna Grecia, il Coro Regionale ARCoPu, il L.A. Chorus e il Coro regionale delle Voci bianche ARCoPu. Promotori della serata dedicata ai “Carmina Burana”, la stessa Orchestra della Magna Grecia, il Comune di Taranto, l’ARCoPU, il L.A Chorus, la Regione Puglia e il Ministero della Cultura. Prevista anche la prima esecuzione in assoluto di “Mulier, ceu fulgur descendens”, composizione del Maestro Valter Sivilotti. Alla rappresentazione dei Carmina Burana si potrà accedere gratuitamente mediante prenotazione.

Quello in programma martedì prossimo, si diceva, è un progetto imponente proprio perché vedrà l’esecuzione di una delle pagine fra le più intense della musica universale allestita sulla scalinata esterna della Concattedrale di Taranto. In scena, anche il soprano Claudia Urru, il baritono Guido Dazzini, il controtenore Vincenzo Franchini; Maestri del Coro: Andrea Crastolla, Agostino Ruscillo e Annarita Di Giovine Ardito; Maestri del Coro delle Voci bianche: Luigi Leo ed Erica Pizzileo.

“Carmina Burana” è un’opera emozionante, senza tempo che immerge l’ascoltatore in una dimensione ipnotica, fatta di ritmi, parole e canti suggestivi. La scelta dei “Carmina Burana” promuove un’offerta culturale di qualità, dando spazio ai talenti dell’Arcopu, un’officina d’arte attenta ai bisogni del pubblico, sempre alla ricerca di opportunità di alto livello per i propri artisti. Tra gli obiettivi principali di ARCoPu, presieduta dal Maestro Pierfranco Semeraro, quello della promozione della musica. Un obiettivo che persegue anche attraverso l’attività dei cori associati e con una strategia di comunicazione mirata alle collaborazioni esterne attivate con diversi conservatori pugliesi.

Ingresso gratuito con prenotazione. Info, Orchestra della Magna Grecia – Taranto, via Giovinazzi 28 (392.9199935), via Tirrenia 4 (099.7304422). www.orchestramagnagrecia.it

Statte, Aperitivo d’Autore: si ride con Francesco Lancia

aperitivo d'autore

Ad Aperitivo d’Autore arriva per il suo unico appuntamento in Puglia uno dei più bravi autori satirici italiani. Sabato 11 settembre sarà ospite del format dell’associazione Volta la carta Francesco Lancia, che è da poco uscito con il suo primo libro, “Poeti, santi e altri lavoratori autonomi” (Rizzoli).

Si tratta di una raccolta di biografie di alcune grandi personalità che oscilla costantemente tra il rigore storico e la cialtronaggine, con testi inediti attribuiti a persone trapassate che non possono più dissociarsene. L’appuntamento è alla Masseria Leucaspide, in agro di Statte (non più alla Masseria agriturismo Pace come inizialmente previsto, a causa delle incerte condizioni meteo). Come consuetudine, i partecipanti degusteranno un aperitivo artigianale (stavolta realizzato dal Symposium Cafè) e potranno bere i vini della Cantina Lama di Rose. È partner dell’iniziativa anche la libreria AmicoLibro.

Si comincia alle ore 19. Con l’autore e conduttore di Radio Deejay converserà Vincenzo Parabita, ideatore di Aperitivo d’Autore. Per partecipare alla serata è obbligatorio prenotare chiamando al numero 380.4385348 oppure scrivendo all’indirizzo email aperitivodautore@gmail.com. I posti sono limitati e si accede solo con Green Pass.

L’autore

Nasce a Terni il 1° ottobre del 1981 e da allora fa un sacco di cose ma nessuna di queste in maniera davvero convincente. Questo libro non fa eccezione. Nella vita scrive e improvvisa cose buffe per sé e per altri che lavorano in tv o a Radio Deejay. A tredici anni gli hanno tolto un grosso neo dalla natica destra e glielo hanno messo sull’altra. Dovrebbe essere ancora vivo ma dipende da quando leggerete queste righe.

Il libro

Da Leonardo da Vinci a Giuseppe Garibaldi, passando per Galileo Galilei e Maria Montessori, un viaggio alla scoperta della vita e delle opere di illustri personalità che hanno fatto la storia del nostro Paese. Il libro è una raccolta antologica di biografie che oscilla costantemente tra il rigore storico e la cialtronaggine, con testi inediti attribuiti a persone trapassate che non possono più dissociarsene.

Tra le pagine di “Santi, poeti e altri lavoratori autonomi” potrete leggere l’inedito Giornale di bordo che Cristoforo Colombo compilò di suo pugno e le tragiche conseguenze del primo (e unico) sorriso fatto da Giacomo Leopardi, ma non solo: imparerete dettagli e curiosità ignorate dai più, come il fatto che Dante si accorse di aver scritto la Divina Commedia in rima solo alla fine o che Benito Mussolini è stato uno degli sceneggiatori del film Bambi.

Di certo le lettrici e i lettori più attenti noteranno nell’elenco dei protagonisti del libro un netto sbilanciamento di genere, con un numero di uomini molto superiore rispetto a quello delle donne, un fatto per cui l’autore declina ogni responsabilità e invita a prendersela con oltre duemila anni di patriarcato.

Prosa a Taranto: in scena Moni Ovadia e Dario Vergassola

prosa

Continuano anche a settembre gli appuntamenti di prosa del Teatro comunale Fusco di Taranto, all’interno della stagione teatrale estiva promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

Il 13 settembre alle ore 21 all’Arena Peripato è in programma “Un ebreo, un ligure e l’ebraismo” (Corvino Produzioni in collaborazione con Mismaonda) con Moni Ovadia e Dario Vergassola. Un incontro tra due filosofie e tra due modi di fare teatro e comicità. Il “saggio” Moni Ovadia, saggio perché più vecchio, terrà una specie di lezione sull’ebraismo e il suo umorismo a Vergassola che da buon ligure, per affinità vicino agli ebrei, cercherà di capirne l’essenza e di rilanciare dal suo punto di vista alla lezione del saggio Moni. Lo spettacolo sostituisce quello previsto per il 25 agosto scorso con Lucrezia Lante Della Rovere, poi annullato per indisponibilità dell’artista.

Misure Anti Covid

A partire dal 6 agosto 2021, per partecipare agli spettacoli, è obbligatorio essere in possesso di una delle Certificazioni verdi Covid-19 (Decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105 – di cui all’articolo 9, comma 2 – https://bit.ly/3ln9qqI), un documento, digitale o cartaceo, emesso gratuitamente dal Ministero della Salute. Per maggiori informazioni sul come ottenere la Certificazione verde Covid-19:
https://www.sanita.puglia.it/certificazione-verde-covid-19.

Biglietti e informazioni

Per lo spettacolo del 13 settembre UN EBREO UN LIGURE E L’EBRAISMO: apertura botteghino solo il 10 settembre dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 al Teatro Fusco. Il 13 settembre, giorno di spettacolo, apertura dalle 16 alle 18.30 il botteghino è attivo al Teatro Fusco e dalle 19.30 sarà attivo il botteghino a Villa Peripato.

Prezzi

SETTORE A – Intero, 30 € / Ridotto, 25 €
SETTORE B – Intero, 25 € / Ridotto, 20 €
Riduzioni: I biglietti ridotti saranno concessi esclusivamente ai giovani fino a 30 anni, alle persone di oltre 65 anni, ai dipendenti militari e civili dell’Esercito Italiano Puglia e delle Capitanerie di Porto – Puglia, Aeronautica/Marina Militare.

Orario rappresentazioni: Porta ore 20.00 / Sipario ore 21.00. Per informazioni Teatro Comunale Fusco tel. 099 994 9349

Due spettacoli di Circo Contemporaneo a Taranto

circo contemporaneo

Invito allo stupore. il Circo Contemporaneo a Taranto: due spettacoli al confine fra circo, danza, musica, teatro e letteratura.  A grande richiesta, e per dieci giorni, il Crest propone il ritorno a Taranto dello chapiteau El Grito, per il cartellone “tout public” nell’ambito del progetto regionale “Custodiamo la cultura in Puglia 2021”. In collaborazione con Provincia di Taranto e Comune di Taranto.

Sotto il tendone, montato nello spazio aperto del TaTÀ, in via Deledda ai Tamburi, due spettacoli in programma: da giovedì 16 a domenica 19 settembre, “Liminal” di e con Fabiana Ruiz Diaz, prodotto da Circo El Grito, coproduzione Spazio Agreste, e da giovedì 23 a domenica 26 settembre, “Gustavo LaVita” di e con Andrea Farnetani.

Sipario ore 21, la domenica ore 19. Per accedere agli eventi – con ingresso a pagamento e obbligo di prenotazione del posto al numero 366.3473430 in orario d’ufficio – è necessario il green pass, non richiesto ai minori di 12 anni.

Il circo contemporaneo

Nell’immaginario collettivo il circo è rappresentato dagli animali in pista, dai tendoni colorati, dagli acrobati che volteggiano a metri da terra e da clown col naso rosso. Il circo ospitato dal Crest assicura il tendone colorato, ma le esibizioni artistiche saranno ben diverse, niente animali e niente nasi rossi ma tanto spettacolo e divertimento comunque.

Dalla seconda metà del 1900 con il fenomeno del nouveau cirque francese, il circo ha avuto una vera e propria svolta contemporanea, avvicinandosi al mondo del teatro, combinando le sue discipline più classiche con altre arti, la musica, la coreografia, tessute insieme da una regia che definisce la traccia e l’atmosfera della proposta scenica. Basti pensare all’esperienza più nota, le Cirque du Soleil. Nato in Francia, il fenomeno si è via via diffuso ed oggi anche in Italia sono tante le realtà di Circo Contemporaneo – come ormai viene definito – e che ha conquistato anche un nuovo tipo di pubblico, la cui cifra comune è proprio la trasversalità di genere, di cultura e di età.

Il Circo El Grito

Ancora una volta il TaTÀ offre al suo pubblico l’occasione per gustare e godere quanto di nuovo e di bello si muove nel panorama nazionale e non solo. Spettacoli che invitano allo stupore. Nato a Bruxelles nel 2007 dall’incontro tra gli artisti multidisciplinari Fabiana Ruiz Diaz e Giacomo Costantini, il Circo El Grito raccoglie la più chiara tradizione circense rinnovandola nel contesto contemporaneo, con produzioni che si muovono al confine fra circo, danza, musica, teatro e letteratura.

E porta “in teatro la magia del circo e il sapore surreale del sogno” (cit. la Repubblica). In particolare, durante la permanenza a Taranto, la compagnia presenterà due spettacoli che vedono in scena due dei suoi interpreti più bravi e particolari: Fabiana Ruiz Diaz, equilibrista e acrobata eccezionale, che per questo progetto, “Liminal”, ha lavorato accanto alla danzatrice Raffaella Giordano, e Andrea Farnetani, clown e giocoliere irresistibile, che con “Gustavo LaVita” ci porta per mano ad esplorare l’animo e l’arte del clown.

In definitiva, un incontro da non perdere quello con il circo contemporaneo, così che il Crest ha pensato di coinvolgere bambini e giovani in brevi laboratori, un’opportunità per la città tutta, ma soprattutto per il quartiere Tamburi, che ospiterà tanti ragazzi per le attività dei laboratori pomeridiani condotte da giovani artisti del Circo Laboratorio Nomade, una delle prime scuole di circo nella nostra regione. Protagoniste le diverse discipline del circo: aerea, acrobatica, giocoleria, equilibrismo. Da conoscere, scoprire, sperimentare.

“La voce del padrone”: tributo a Franco Battiato a Grottaglie

franco battiato

Nel 2021 si celebra il quarantennale di un disco perfetto: “La Voce Del Padrone” del Maestro Franco Battiato. Il musicista e cantautore Fabio Cinti, insieme a 16 elementi dellOrchestra della Magna Grecia, diretto dal M° Marco Battigelli, rivisiterà in un’emozionante chiave sinfonica le canzoni che compongono l’album e altri classici dell’artista siciliano.

L’appuntamento “La voce del padrone – tributo a Franco Battiato” rientra nella stagione estiva del Comune di Grottaglie realizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.Martedì 7 settembre, piazza San Francesco, ore 21:00.

Tributo a Franco Battiato

Musicista geniale e fra i più influenti della scena musicale italiana negli ultimi cinquant’anni, Franco Battiato con la sua scomparsa avvenuta lo scorso maggio, ha lasciato un grande vuoto artistico e umano. Eclettico, il cantautore siciliano è riuscito in tutti questi anni a farsi apprezzare e conquistare più generazioni per il grande numero di stili approfonditi e combinati fra loro, dal rock progressivo all’avanguardia, fino a una straordinaria, personale musica d’autore.

Fra i suoi maggiori successi: La Cura, Povera Patria, La stagione dell’amore, Cuccurucucù, Voglio vederti danzare, Centro di gravità permanente, L’era del cinghiale bianco, Bandiera bianca, Sentimento nuevo, I treni di Tozeur. Fra i suoi album: L’era del cinghiale bianco, La voce del padrone, L’arca di Noè, Fisiognomica, Gommalacca, Fleurs. Fra i brani in programma, anche Summer on a Solitary beach, Gli uccelli, Segnali di vita, E ti vengo a cercare, Prospettiva Nevsky, La canzone dell’amore perduto (brano di De André presente nella raccolta Fleurs).

Biglietti e informazioni

Prezzo del biglietto: 12 euro. I biglietti sono in vendita alla Biblioteca Civica Gaspare Pignatelli (Viale Gaspare Pignatelli 5 / 099.5620409) mercoledì dalle ore 11 alle 13, giovedì e venerdì dalle ore 18 alle 20 e su Vivaticket. Sarà possibile acquistare i biglietti in Piazza San Francesco prima dello spettacolo dalle ore 19 alle 21.

Per Info: Comune di Grottaglie Ufficio Cultura, Via Martiri D’Ungheria, 1; tel. 099/5620251-326; Biblioteca Civica Gaspare Pignatelli, Viale Gaspare Pignatelli, 5; tel.099 5620409.