“TARANTO A META’ DEL GUADO…” sul Grande Schermo del Cinema Bellarmino

    911

    Continua lo straordinario viaggio cinematografico di “Girati a Taranto” sul grande schermo del Cinema Bellarmino di Taranto.
    La rassegna, ideata dall’Associazione Terra e realizzata in collaborazione con Programma Sviluppo, Progetto Taras, Andriani Boutiques e Fondazione Oro 6, racconta in dieci serate la città di Taranto dagli anni Quaranta ad oggi attraverso la prospettiva offerta da altrettanti titoli della cinematografia italiana.
    La sesta serata , strutturata come sempre nella proiezione di un “corto” che precede la proiezione del film, ci proietta negli anni 90’, mostrandoci una città dalla struggente bellezza e dagli straordinari contrasti sociali tutt’ ora presenti nella nostra complessa comunità.

    Ecco,allora, la “Taranto a metà del guado” protagonista del prossimo appuntamento di “Girati a Taranto” con il corto “Alle corde” (2013) di Andrea Simonetti e con il film “Le Acrobate” (1997) di Silvio Soldini.

    ALLE CORDE
    “Alle corde” del giovane regista tarantino Andrea Simonetti , è stato selezionato al RIFF -Rome Independent Film Festival 2014 e al festival “Visioni Italiane – sezione Visioni ambientali”, ha vinto il premio della sezione short all’Asti Film Festival ed è stato premiato al festival del “Cinema invisibile” di Lecce.
    Il film racconta la storia di un giovane pugile talentuoso Cosimo, di 30 anni, che vive a Taranto con il padre Giuseppe, un ex pescatore di 70 anni con il vizio del gioco, che, indebitato fino al collo, ha perso anche il suo peschereccio a causa di frequentazioni di bische poco raccomandabili. I due vivono insieme in una vecchia casa nel cuore del quartiere Tamburi.
    Cosimo lavora all’ILVA di Taranto per mantenere se stesso e il padre e vuole arrivare fra i professionisti per riprendersi la sua vita e ricomprare il peschereccio al padre Giuseppe in modo da restituirli la libertà.

    LE ACROBATE
    Le acrobate è un capolavoro del 1997 diretto da Silvio Soldini, che annovera tra i protagonisti del film attori del calibro di Valeria Golino e Fabrizio Bentivoglio.
    Il film è girato quasi interamente nella città di Taranto. In particolare si riconoscono: il Mar Piccolo, il quartiere Bestat con la Concattedrale, la Salinella e le vie del centro.
    Il titolo del film è ispirato a “Le Acrobate”, tre statuine di terracotta della Magna Grecia esposte al Museo archeologico nazionale di Taranto.
    Da notare che nel cast è inserita Teresa Saponangelo, attrice nata proprio a Taranto, insieme ad altri attori pugliesi come Leo Pantaleo e Manrico Gammarota.
    Il film ha ottenuto una lunga serie di riconoscimenti tra i quali ricordiamo :

    1998 – David di Donatello
    • Nomination Migliore attrice protagonista a Valeria Golino
    • Nomination Migliore fotografia a Luca Bigazzi

    1998 – Nastro d’argento
    • Nomination Regista del miglior film a Silvio Soldini

    1997 – Grolla d’oro
    • Miglior attrice a Valeria Golino

    1997 – Festival di Locarno
    Nomination Pardo d’Oro a Silvio Soldini

    Il film racconta la storia di Elena che vive a Treviso dove lavora come chimica in una ditta di cosmetici. Una sera, tornando a casa dal lavoro, conosce Anita, un’anziana donna di origini slave. Elena si offre di prendersi cura di lei, affascinata dalla sua forte personalità. Dopo la morte della donna, cercando di riordinare la casa, Elena trova delle cartoline inviate da Taranto e, pensando che il mittente sia un parente di Anita, decide di rintracciarlo. A Taranto conoscerà Maria, un’amica di Anita, e la sua figlioletta Teresa, affascinata dal Nord. Maria ed Elena si ritroveranno così amiche, acrobate sul filo del destino, condividendo insieme la necessità di dare un senso più profondo alle loro vite.

    _________________________________________________________

    Come di consueto spetterà a Davide Di Giorgio, critico cinematografico, il compito di introdurre la serata, inquadrando storicamente e tecnicamente le pellicole, affiancato nell’ occasione da Andrea Simonetti,(regista “Alle Corde”) e da Massimo Causo (critico cinematografico, festival programmer e docente del corso di Critica e giornalismo cinematografico per la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi)

    Infoline: 3932204680 – 3331232629
    Email: info@associazioneterra.org

    Le proiezioni avranno inizio alle ore 21.15, con biglietti acquistabili al botteghino al costo di 4 euro.

    FONTE O PUBBLICAZIONE RICHIESTA DA:associazione terra