Non è mai troppo presto per pensare al Natale. In Puglia, la magia della festa più attesa dell’anno avvolgerà la città di Francavilla Fontana a partire dal 22 novembre, giorno in cui si celebra Santa Cecilia, la protettrice dei musicisti.

Il bellissimo Centro storico, con il Castello Imperiali, la Chiesa Matrice e le altre chiese, i suggestivi vicoli, le Porte, la Monumentale Fontana e la Torre dell’Orologio di Piazza Umberto, sono i luoghi che faranno da palcoscenico a “Perbacco che vicoli”, previsto dal 23 al 26 Novembre, da mezzogiorno a mezzanotte,  ospitando sagre d’autunno e vino novello, con i Primi Mercatini di Natale in Italia, allestiti proprio ai piedi del Castello, dove sarà possibile acquistare gli addobbi più originali per l’albero di Natale che da lì a qualche giorno si andrà a preparare, le statue o i presepi, oltre a tanti altri articoli artigianali. Un tripudio di enogastronomia, spettacoli e musica: le piazze e i vicoli, vestiti a festa con le meravigliose luminarie, lasceranno spazio agli artisti di strada, zampognari e ai musicisti del conservatorio Paisiello di Taranto, mentre una cascata di fiocchi di neve imbiancherà il percorso dei mercatini, creando un’atmosfera degna dei migliori film natalizi. Ci penseranno i profumi delle specialità tipiche pugliesi ad inebriare il tutto, a cominciare dalle pettole, preparate con cura dalle donne che, ancora oggi, si procurano “u luat” (piccolo panetto di pasta cresciuta, usata come lievito) per “trumbà” (impastare) la pasta e ottenere così palline gonfie e dorate che vengono fritte e farcite con zucchero, miele, vino cotto o cioccolata. E ancora, cazzatedde cegliesi, panzerotti, oltre agli immancabili tipici dolci pugliesi, le cioccolate di Noci, i salumi, le bombette di Martina Franca, i Tronere di Turi, i latticini ed i formaggi, il provolone impiccato, la porchetta e tanto altro. Infine i vini, soprattutto i rossi ed il primo novello, serviti nei calici con le sacche. Testimonial d’eccezione sarà l’attore romano Maurizio Mattioli che svestirà i panni di Augusto dei Cesaroni per indossare quelli di Babbo Maurizio, un Babbo Natale più goliardico e mangereccio che catturerà l’attenzione di grandi e piccini. Garantito il  servizio navetta, i parcheggi e il trenino che scorrazzerà per tutta la città, mentre i negozi  anticiperanno le vetrine e le offerte natalizie.