Inizia il periodo natalizio più lungo d’Italia: a Taranto il 22 novembre, giorno dedicato a Santa Cecilia, si potrà trascorrere una serata tra suoni, danze e pettole, devozione popolare tra sacro e profano…

Nell’ambito delle usuali feste di Santa Cecilia, l’associazione “Tarantinidion”, presente da decenni su Taranto per la valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale tarantino, presenta la serata di musica popolare “SANTA CECILIA TRA SUONI E DANZE”

Serata di musica, suoni, danze e pettole

Ronda di musica folk davanti al Duomo di San Cataldo e a seguire la tradizionale pettolata a piazzetta Monteoliveto, grazie al cui ricavato negli anni passati i suoi abitanti hanno potuto restaurare l’altare maggiore della sconsacrata chiesa di Sant’Andrea degli Armeni in detta piazzetta, risalente al 1573, oggi affidata alle cure dell’associazione “Domus Armenorum”.

Porta il tuo strumento

TUTTI INVITATI SI SUONA SI CANTA E SI BALLA. Con strumenti al seguito in compagnia del suonatore di zampogna Angelo Lerose, esperto zampognaro e costruttore di zampogne di Acquaformosa (CS) da tre generazioni di famiglia arbereshe, musicista di fama internazionale balleremo al suono della tarantella calabrese. Tutti gli amici musicisti che vogliano portare i propri strumenti e la voglia di ballare e suonare sono i benvenuti. A Putéje – arte e – è cultura ore 19,30 via Duomo 131 Taranto. ingresso libero

Evento precedenteA Bari road show del settore immobiliare: contro l’abusivismo per tutelare il turismo in Puglia
Evento successivoIl Pipistrello, l’operetta di J. Strauss al Teatro Apollo di Lecce