La trasformazione esemplare di Taranto, da città industriale a simbolo di rinascita, sarà narrata nella 17esima edizione della Biennale di Architettura, dal 22 maggio al 21 novembre a Venezia.

Taranto interpreta perfettamente il tema scelto dal Padiglione Italia, “Comunità resilienti”. All’interno di quello spazio, su esplicito invito del curatore Alessandro Melis, la città racconterà la sua transizione da un modello produttivo e sociale di matrice novecentesca a una prospettiva di sostenibilità che coinvolge l’intera comunità.

Il piano “Ecosistema Taranto”, quindi, la road map della transizione economica, ecologica ed energetica disegnata dall’amministrazione Melucci sulla scorta degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu, si farà opera concettuale per mostrare ai visitatori internazionali il nuovo volto della città.

Nello spirito della Biennale, sarà un video curato dall’assessore all’Urbanistica del Comune di Taranto, Ubaldo Occhinegro, a descrivere il percorso che la città ha imboccato. Un progetto documentaristico realizzato dal visual artist Antonio Ottomanelli, mostrerà la trasformazione di Taranto pescando tra le immagini suggestive dei luoghi e le parole accorate dei protagonisti, opera che ha visto la luce grazie al contributo di Pugliapromozione – Por Fesr 2014-2020 e Regione Puglia, con la consulenza tecnico-scientifica della rivista internazionale d’architettura Domus.

«La presenza di Taranto alla Biennale di Architettura ha un enorme valore – le parole dell’assessore Occhinegro –, sancisce quanto la nostra città abbia camminato negli ultimi anni, tanto da diventare un riferimento, un esempio, un oggetto di studio. Saremo a Venezia con l’orgoglio proprio di chi ha lavorato per il bene della comunità, non solo di quella presente, ma soprattutto di quella che nel futuro godrà della trasformazione che abbiamo innescato in questi anni».

L’installazione video permanente nel Padiglione Italia non sarà un evento isolato. A settembre, dal 21 al 26, sempre negli stessi spazi sarà allestita una mostra documentaria dedicata proprio al piano di transizione “Ecosistema Taranto”, con un focus dettagliato sui progetti urbanistici in corso e su quelli che partiranno prossimamente, con un grande evento di approfondimento che vedrà la partecipazione di personalità di rilievo del settore.

Evento precedente“Stratigrafie”: una mostra tra fotografie e cinema a Massafra
Evento successivo“L’Isola che non c’è. Giochiamo insieme a Peter Pan”: narrazione e gioco a squadre a Taranto