Seppur con qualche giorno d’anticipo, anche quest’anno Fragagnano avrà le sue Tavolate di San GiuseppeTradizione, fede e folklore sono le parole chiave di una festa che, nel piccolo borgo della provincia di Taranto, si rinnova ormai da diversi anni. Cuore pulsante della manifestazione sarà il centro storico, espandendosi fino ad includere la Chiesa Matrice, dedicata a Maria Santissima Immacolata.

IL FALÒ DI SAN GIUSEPPE

La Festa si aprirà ufficialmente mercoledì 13 marzo, con l’accensione del tradizionale Falò, alle ore 19.30 presso il Palazzetto dello Sport. Questo antichissimo rituale, che abbraccia culture e popoli diversi, quest’anno avrà luogo in una cornice scenografica. Ad occuparsene, gli “Arcieri di Freganius” che scoccheranno dardi infuocati con particolare maestria, per poi esibirsi in affascinanti dimostrazioni di tiro con l’arco. Nell’edizione 2019, l’accompagnamento del sacro rituale sarà realizzato dai “Tamburini del Barone di Freganius“.

LA PROCESSIONE E LE TAVOLATE PER I BISOGNOSI

Giovedì 14 marzo, è prevista la Santa Messa delle ore 11.00 e la Processione del Simulacro del Santo, alle ore 17.00, che attraverserà le principali vie della provincia tarantina, accompagnata dal Complesso Bandistico “Città di Fragagnano”. Corso Vittorio Emanuele, la cosiddetta via devozionale, lascerà spazio alle tradizionali “mattre”, o comunemente definite Tavole di San Giuseppe, su cui sono disposti piatti tipici della zona, offerti gratuitamente, ad onore di San Giuseppe, a chiunque ne faccia richiesta. Le tavolate sono addobbate con cura e dedizione, con meravigliosi addobbi floreali. Il rito si consuma tra un segno di croce, una preghiera, il dono della pagnotta benedetta da posizionare sul davanzale durante i temporali, con l’immancabile degustazione dei fritti di San Giuseppe. In serata, bagliori nel cielo di Fragagnano con gli spettacolari Fuochi Pirotecnici, presso il Palazzetto dello Sport, a cura della ditta “Itria Fireworks” di Martina Franca.